Archivi del mese: novembre 2010

Sei bella come la bella addormentata nel boschetto della mia fantasia.

Annunci

ho trovato lavoro in italia

Allora allora allora.

Ho temuto per il mio pesce rosso Rosa. Ma s’e’ ripresa. Dette le cose importanti … il lavoro il lavoro il nuovo lavoro e’ un lavoro con il cartellino. Era il lavoro che volevo, striscio entro striscio e mi dimentico. Per adesso almeno. I colleghi sono tutti molto simpatia triestina e la fase imparare le cose nuove e’ bella bella. Tra l’altro son cose davvero tanto nuove e io quando imparo cose nuove do il meglio. Non so se quando avro’ finito di imparare le cose nuove poi mi sbattero’ la testa al muro dalla noia, ma non credo perche’ gli altri sembrano sempre molto intenti ad imparare. C’e’ anche una qualche sensazione di fare cose importanti, ma questa, son sicura, mi svanira’ presto. Anche quando facevo il pieccidi’ all’inizio mi sembrava di far cose importanti e poi ho capito che siam troppo inutili. Certo niente e’ inutile come la ricerca, quindi la sensazion del nuovo lavoro non potra’ mai eguagliare Logoborro inutilezza and suicide.

Sul nuovo lavoro si scrive molto in inglese e io sono l’esperta. Questa cosa mi fa molto ridere perche’ mai avrei pensato, soprattutto dopo tutti st’anni passati a chiedersi come si dicono le cose, se le sto dicendo giuste, cosa cavolo sta dicendo quello. E invece gli italiani sanno l’inglese meno di me. Soprattutto scrivono cose che fanno molto ridere, prese e tradotte alla lettera con wordpress, che magari sono giuste grammaticalmente, ma non suonano. Allora io metto su la faccia “no non mi suona” (magari sto anche dicendo una gran cazzata) e loro mi credono e cambiano come dico io. Gran sensazione di potere.

Poi ho un ufficio di quelli alla vecchia maniera, grande grande, che condivido con una tizia toga, per niente open space per niente pieno di gente. Ci siamo io, la signorina collega, che chiamero’ signorina collega, e i ciclamini. L’orchidea logoborrese l’ho lasciata in buone mani a logoborro e, certo, i ciclamini non potranno mai eguagliar, pero’ sono carini, ascoltano anche se non mi parlano.

Comunque son tanto orgogliosa del nuovo lavoro, perche’, a parte il lavoro in se’, ho trovato lavoro in italia. Senza le “conoscenze”.

Poi raccontero’ della squadretta di pallavolo aziendale, del ragionier filini e di molte altre cose. Il problema e’ che e’ finito il cazzeggio.