Archivi del mese: aprile 2007

E volare solitamente è bello.

 

(con permesso)

 

… bianca non è la rosa che porto a te …

 

Il Greco accanto a me s'incazza con il compiuter e dice qualcosa in greco, poi si gira, mi guarda, ridiamo. Fuori gli alberi rosa sanno di speranzosi matrimoni primaverili, mi piace

 

… gialla non è la rosa che porto a te …

 

Andare a fare pipì piano per il corridoio e guardare fuori alle finestre che è verde, mi piace

 

… rosso non è l'amore bianco non è il dolore …

 

Sono strutta dal ripiit eterno d'una canzone struggente, mi piace

 

… rosa come un romanzo di poca cosa …

 

Ho un fail di pauer point aperto che si chiama 30april, e non mi piace

 

… come la porpora che infiamma la mattina …

 

Ho in testa un endecasillabo dolce.

Come il “fàinetàimoi chénos isòs te òisin”, con lo spirito dolce, così faceva mi sembra, mi piace.

Bello “lo spirito dolce”, non c'avevo mai pensato.

 

… rossa così è la rosa che porto a te.

 

Annunci

acronimi

 

Appunti di conferenza. 

 

ST

Science and Tecnology

Sono triste

 


LOL

Laf aut laud

Loss of Load (questa è vera)

 

VM

Virtual memory

Voglio morire

 

LM

Last Month

Logoborro Merda

 

 

DFP

Dynamic Feedback Protocol

Devo Fare Pipì

 

MVS

Multiple Virtual Storage

Mi Voglio Sparare

 

UAV

Unmanned Aerial Vehicle

Un Aereo Volante (senzaunuomodentro)

 

VES

Voluntary Euthanasia Society

Vorrei Essere Sfelice

 

VMCP

Volunteer Management Certificate Program

Vorrei Mangiare Come un Porco

 

NCN

Nonlinear Control Network

Non ci Capisco Niente

 

SMC

Systems, Man and Cybernetics

Sopraggiunte Mie Cose

 

CCF

Common Cause Failure

Cazzo Come Faccio

 

NRA

Nuclear Reaction Analysis

Non mi Ritrovo Assorbente

 

 

VCV

Light Commercial Vehicle

Lo Chiederei alla Vicina

 

MEA

More Electric Aircraft

Ma è Antipatica

 

 


BBN

Bayesian Belief Network (anche questa è vera)

Bye bye now

 

sfiorellini sminuscoli

 

é sgiunta la sprimavera.

Svegliatevi galline.

 

Scampagnamo in allegria.

 


 


 


 


 


 

spinosa

 

 


 

Mia mamma s'è dimenticata due paia di stivali in camera.

La prossima volta che vado in sardegna c'avrò due paia di stivali in valigia.

Mia mamma, per una settimana qui, s'è portata 4 paia di scarpe.

é che il tempo è variabile!

Sì mamma.

 

Il dipartimento è semideserto.

M'hanno messo un nuovo tipo tedesco in ufficio, ha la faccia simpatica ma un'aria veramente triste e disorientata. Se sapesse la verità sul suo futuro a Logoborro tenterebbe il suicidio.

Il greco worcoolico accanto a me non ha mai smesso di lavorare, pare che il giorno di pasquetta sia venuto in dipartimento portando il suo quotidiano panino che mangia mentre lavora in un cestino cappuccetto-rosso giusto per fare un pò più pasquetta.

Il cinese, da quando si è addottorato, viene in ufficio in maglietta a maniche corte bianca. Ho mandato una lettera di protesta a riguardo. L'inglese è una lingua fatta per le lettere di protesta.

 

Ho ricevuto mille pacchettini da oncong contenenti tutti i miei giochini per la macchina fotografica. Fra cui questo fantastico invertitore d'obiettivi che io consiglierei di comprare a tutti, solo perché è proprio un bell'oggetto, anche se non c'avete manco na macchinettina, fosse anche solo per scopi zezzuali, molto meglio dell'anello durex, di cui un giorno parlerò dettagliatamente.

Grazie a tutti i miei nuovi giochettini posso togliere tempo al lavoro con la pretesa che sia arricchimento spirituale. E posso vedere i pelettini piccolini alla base delle spinettine del mio cactus Alfonso. Sì, il mio cactus si chiama Alfonso.

Questa cosa del banco ottico che fa le magie comunque è una balla, è un'ivenzione dei fotografi per fare i fighi ma non esiste.

 

Sono sola a casa. E non mi fa bene. Esco la mattina lasciando tutto un casino. Torno la sera che cammino tra il casino fino al computer, faccio 10 cm quadrati di spazio libero sulla scrivania attorno al maus, e altri 10 cm quadrati di spazio libero sulla sedia per le mie regali chiappe … vabbé 20 cm quadrati. Mmm 30.

 

Ho le palle girate. Sono spessimista, striste e smalinconica. Acida e spinosa. Non c'ho voglia di lavorare, non c'ho voglia di far niente. Forse dovrei ricominciare con le mie sessioni di bodypump e panzaeculo. C'ho una pellicina dell'indice veramente sdolorosissima e sfastidiosissima. E comunque non mi convinceranno mai, il parto non può essere più doloroso delle pellicine delle dita. Ho i peli delle gambe che hanno raggiunto il massimo storico, ora vado avanti solo per vedere se mi vengono le doppie punte.

 

é ufficiale, a giugno porto il pandino a Logoborro. Il cost-to-cost: la sassari-logobohr. Un pò come la parigi-dacar. La panda giolli 1000 di mio baffo, autoradio con cassetta, chiusura centralizzata e finestrini elettronici, attraverserà due mari e tre continenti. Datemene consigli per la strada da fa, qualcuno ha già messo in discussione il fatto che il pandino mi riesca a fare il sanbernardo.

 

 

Greenwich al tramonto

 


 

 

Il baffo e la mamma sono ripartiti. Ho tante di quelle cosa in testa che non focalizzo. Un minestroppio di cose in testa. E poi sono sconvolta dal fuso, il fuso mamma e baffo che prevedeva sveglia alle 6 e letto alle 10. Mi devo riprendere.

bradgate park al tramonto

 


 


La mamma e il baffo si amano ancora.
Dopo trenta anni si amano ancora.
Trenta, più o meno, se ne discute.
 
baffo: avevamo 27 anni
mamma: no ne avevamo 28
baffo: 27
mamma: 28
baffo: 27
mamma: io ne avevo ventotto
baffo: era novembre, 28 non li avevi ancora compiuti
mamma: uuuu maronn'

 

mamma: tu me ne avevi dato 24
baffo: e tu avevi detto di sì
mamma: non è vero
baffo: io avevo detto “hai ventiquattro anni?” e tu avevi annuito
mamma: non è vero avevo riso
baffo: avevi riso annuendo
mamma: uuuu maronn'

 

La mamma e il baffo si amano ancora.

 

mamma: prenditi il cappello che fa freddo
baffo: ma no che non fa freddo
mamma: prenditi il cappello che c'è il sole ma l'aria è frizzantina
baffo: ma noo
mamma: ma sii
baffo: ma noo
mamma: uuuu maronn'

 

La mamma e il baffo si amano ancora.
Presempio, si danno ancora i nomignolini dei fidanzatini.
Non sono gli stessi di prima, con il tempo cambiano.

Ma sono sempre dolci e teneri.

Presempio, mia madre ora chiama mio baffo “essere abominevole”.
La mamma e il baffo si amano ancora.